Vi presento Termoli, città da aMare

Print Friendly, PDF & Email

E’ proprio di qualche giorno fa l’articolo di “Dove”, la sezione del Corriere.it, dedicata ai viaggi e al turismo, che annovera Termoli tra le 30 mete cui dedicare almeno una breve vacanza

Termoli, sconosciuta ai più (se non per l’imbarco per le Isole Tremiti), è la cittadina nella quale sono cresciuta e che vi consiglio di tenere caldamente in considerazione per una vacanza Sapiens in famiglia, all’insegna del mare poco affollato, del mangiar bene e della buona compagnia.

Ah ok, prima di tutto, dove si trova Termoli? qui:

chiaro, no?

La costa del paese è divisa in due dal Castello Svevo, un castello risalente all’inizio del XIII secolo, attorno al quale si sviluppa il caratteristico “borgo antico”, dove vale sicuramente la pena fare un giretto per visitare la bellissima cattedrale romanica, eretta nel 1037 dC e dedicata al santo patrono della città: San Basso (che si festeggia dal 3 al 5 agosto con tanto di processione a mare, concerti, sagre, giostre e fuochi pirotecnici). Pensate un po’, avrete anche la possibilità  di passare per il vicolo più stretto d’Europa (“a rejecelle”)…dovete farvelo indicare però, si trova proprio dietro alla cattedrale ed è largo appena 41cm.

Dicevamo… la costa è divisa in due dal Castello Svevo, a sud del Castello si trova il porto (passeggeri, peschereccio e turistico), anch’esso molto carino per fare due passi, bere un aperitivo ed imbarcarsi per le Isole Tremiti.

Al porto segue la spiaggia di Rio Vivo, storicamente dedicata ai più giovani per le sue spiagge larghe che hanno permesso la costruzione di ampi campi da beach volley, tennis, ecc. A nord del Castello invece, si estende la spiaggia di Sant’Antonio preferita dai più grandi e dalle famiglie con bambini.

Su entrambi i lati, tra un lido e l’altro, ci sono diversi spazi di spiaggia libera dove poter scendere con la propria attrezzatura per trascorrere la giornata al mare. A tale proposito, consiglio le spiagge libere di Sant’Antonio, dopo La Torretta (una torre saracena, al cui interno è stato ricavato un ristorante, anche pittosto buono, oltre che un lido balneare), le trovo meno affollate e più pulite.

In generale, il mare è bello, pulito, spazioso, quest’anno bandiera blu per la 13esima volta consecutiva.

Il litorale, il borgo antico e il corso principale della città (Corso Nazionale) sono costellati da ristorantini dove vi consiglio di provare il classico brodetto di pesce, u’scescille (delle polpette di pane col sugo), i polipi in purgatorio e le seppie coi piselli.

questa è la vista dalla casa che ho affittato quest’estate …non male, vero?

Il mio consiglio per godervi al massimo la vacanza è quello di affittare un appartamentino sul mare. Ce ne sono moltissimi, su tutto il litorale. Normalmente, in ogni appartamento possono alloggiare fino a 6 persone e il prezzo per settimana parte dai 500 euro in bassa stagione per arrivare agli 800/1200 euro in alta, comprensivo di garage, normalmente interno alla struttura, e ombrellone con lettino e sdraio in spiaggia.

Le case normalmente sono munite di lavatrice, aria condizionata, lavastoviglie e spesso comprendono anche l’accesso ad una piscina interna alla struttura. Come ho già detto, avrete a disposizione anche il vostro ombrellone in spiaggia con lettino e sdraio dove potrete lasciare comodamente i giochi dei vostri figli per tutta la durata della vacanza. Le case solitamente affacciano direttamente sul mare, spesso hanno splendide terrazze fronte spiaggia e…che voi mangiate una caprese o il “tuorlo fritto alla Cracco”, vi assicuro che avrete sempre l’impressione di pasteggiare in un 3 stelle Michelin!

Imperdibili infine le mozzarelle di bufala e i pomodorini freschi di “Nicolino” che tutte le mattine, a bordo del suo furgoncino, tra le 9 e le 9 e mezza, annuncia col megafono il suo passaggio: ”La frutta frescaaa, pomodori, patate, melanzane, formaggi, pizza e mozzarella!!!”…beh, non vi resta che sbracciarvi dalla finestra, fermarlo e…buon appetito!!

 

Qualche informazione utile per l’imbarco per le Isole Tremiti

Dal porto di Termoli partono giornalmente traghetti e aliscafi che, in 50-75 minuti, raggiungono le Isole Tremiti. L’attracco avviene normalmente all’isola di San Domino, la più grande e turistica o all’isola di San Nicola. L’arcipelago è composto da 5 isole: San Domino (famosa per le sue grotte, tra cui quella del Bue Marino), San Nicola dove potrete visitare il suo splendido Santuario e la Fortezza di Santa Maria a Mare. Infine Capraia, Pianosa e Cretaccio, disabitate e collegate alle isole maggiori da servizi di acqua-taxi. Panorami sotto-marini mozzafiato affascineranno anche gli amanti delle immersioni sub-acquee.

 

Come arrivare a Termoli

Oltre che fermata di diversi Freccia Bianca, Termoli si raggiunge con l’autostrada A14, che si percorre fino all’omonima uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website

*