Gli autori sapiens

Se vi stavate chiedendo chi sono gli autori sapiens… eccoli qua… Forse non troppo viaggiatori e nemmeno troppo sapiens… ma speriamo col giusto equilibrio che li distingue dall’italiano medio!

 

“Serpentello m’hai provocato? E io me te magno!”
Vietnam 2012

Nome in codice scodazzi… o ajumma… ma il secondo da utilizzare con molta cautela.

 

0% turista, 100% viaggiatrice solitaria, 100% pendolare imbruttita, 100% happy hour manager, 100% scassam…ia di professione

 

Un Paese nel cuore, Cuba, una destinazione finale nella mente, Corea del Sud.

 

Ma prima di concludere questo lungo viaggio riempirò mente anima e cuore di tutto ciò di cui le origini non mi hanno dotato e farò di ogni Posto la mia Casa e tratterò le persone che incontrerò lungo il cammino come la mia Famiglia!

 

 

Io sono Mariarita, ma potete chiamarmi Mary: soprannome adottato per necessità vista l’impossibilità di pronunciare il mio nome all’estero… Credetemi, ne ho sentite di tutti i colori!

Appassionata di viaggi, amante delle lingue e delle culture diverse dalla mia nonché campionessa indiscussa nella preparazione di valige e nell’individuazione di itinerari poco battuti.

La passione per i luoghi lontani mi ha sempre accompagnata sin da bambina e, da allora, mi ha spinto alla ricerca di posti splendidi, sensazioni forti e paesaggi mozzafiato.

In questo viaggio, cercherò di darvi saggi consigli e inedite dritte per “Viaggiare Sapiens” evitando i tipici tranelli in cui tutti, io per prima, possiamo cadere. Inoltre, attraverso i miei occhi, vi consiglierò alcuni itinerari splendidi, ma ancora poco conosciuti, (indebitamente a mio parere) e soprattutto low cost.

Siete pronti a partire? Allora, allacciate le cinture e ricordate sempre di Viaggiare Sapiens!

 

 

Mi chiamo Silvia, Silvietta per gli amici. E già questo la dice lunga sull’imponente fisicità che mi contraddistingue

Mi piace definire il viaggio con una citazione che Lucio Dalla fece durante un concerto con De Gregori (da paura!)
“Il viaggiatore è colui che si fa viaggiare”.

La libertà di partire, cominciando a vivere l’esperienza del viaggio già dal momento in cui chiudi la porta di casa. Scoprire i luoghi lasciando che siano loro a guidarti. La curiosità e la contaminazione con il nuovo. Insomma, decidere di “andar via” e già trovarsi altrove.

Dimenticavo: sono mamma di una splendida baby bomba di 2 anni, Anita. E a meno di 1 mese dalla nascita di Adele.
E qui il concetto di libertà e scoperta si complica un bel po’.

Vi voglio raccontare del mio tentativo di essere #viaggiatoresapiens grazie (e nonostante!) le invasioni d’amore dei figli.
Perché non si smette mai di essere viaggiatori, basta saper cambiare prospettiva!

 

 

C’è chi viaggia per perdersi, chi per ritrovarsi. Chi per incontrare il nuovo, chi per avere conferme del noto. Nel viaggio io cerco l’inatteso e la sensazione di essere piccolissima nei confronti dell’infinita varietà di mondo che ancora non conosco.

Il mio viaggio ideale è da passeggero in auto: con la testa nel vento fuori dal finestrino e i fili dei pensieri che si intrecciano e si districano velocissimi.

Sono Ilaria, un po’ nomade fin dalla nascita: di origine pesarese, cresco in provincia di Vicenza, studio a Bologna e poi trovo lavoro a Milano. Poche centinaia di chilometri, direte voi. Abbastanza per farmi un quadro dettagliato dell’italiano medio, in vacanza e non. E per rifuggirne in ogni modo, possibilmente non spendendo una fortuna.

Pronti per un po’ di consigli e suggerimenti per viaggiare sapiens, low tourist e low cost ?
Infine, una pillola romantica: le parole sul viaggio che più condivido.

I veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perchè. I loro desideri hanno le forme delle nuvole. (Charles Baudelaire)

 

 

Io sono Enrico, per amici, parenti, affini, conoscenti occasionali, etc etc Enri.

Milanese trapiantato, pendolare forzato per mantenere vive le radici, pugliesi di nascita e abruzzesi di adozione, mantengo vive le mie abitudini e l’approccio pragmatico alla vita da buon “uomo del sud”.

Appassionato di viaggi e culture diverse, mi piace esplorare sempre nuove mete ed il motto che da sempre mi accompagna è per conoscere realmente la cultura di un paese devi avere il coraggio di scoprire le sue abitudini in tavola, se proprio ti va male c’è sempre il Gaviscon

Papà del piccolo uragano di 3 anni e mezzo Nicolò, non posso prescindere da organizzare al meglio gli spostamenti, perciò il viaggiaresapiens è diventato una vera e propria filosofia di vita da seguire e pianificare con cura, cercherò di darvi qualche consiglio utile per riuscire ad ottenere il massimo dalle vostre esperienze di viaggio!

 

 

vs-author-manuela

Ciao a tutti, mi chiamo Manuela, laManu per gli amici.

Sono nata a Ortona, in Abruzzo, 39 anni fa, e ho vissuto a Termoli, cittadina della costa molisana per 19 anni. Dopo il diploma mi sono trasferita prima nella bellissima Siena, dove ho compiuto gli studi universitari e poi a Milano, dove lavoro nel settore dell’asset management dal 2001. Mio marito si chiama Marco e siamo i genitori di un bambino adorabile di quasi 5 anni che, neanche a dirlo, ha meravigliosamente stravolto le nostre vite.

Eravamo e restiamo però amanti del viaggiar bene possibilmente – e forse oggi ancor più di ieri – alla ricerca di luoghi low tourism dove poter godere al massimo dell’intimità familiare, un bene sempre più raro e prezioso, e dei luoghi che decidiamo di visitare, animati da una sana quanto ovvia curiosità ma anche dal doveroso rispetto per il posto che ci accoglie… insomma, viva il viaggiare sapiens e viva i viaggiatori sapiens!