Viaggio a Cuba fai da te: organizzare il viaggio a Cuba, itinerario, assicurazione sanitaria e consigli utili

Print Friendly, PDF & Email

Uno dei pensieri più ricorrenti quando il maltempo e l’inverno sopraggiungono, è di fuggire in un posto caldo e soleggiato, magari in un luogo dove anche la gente è altrettanto solare e gioiosa.
Alcuni di voi, in questi giorni, mi hanno chiesto consiglio per organizzare un viaggio al caldo, in un posto sicuro e adatto anche a viaggiatori e viaggiatrici solitari.

Ci sono diversi luoghi che rispondono a questi requisiti ma il primo pensiero è senza ombra di dubbio Cuba.

Cuba gode di uno spettacolare clima tropicale, che la rende meta ideale in ogni periodo dell’anno ma in particolar modo nel periodo che corrisponde al nostro inverno, da dicembre a marzo, quando le temperature non scendono mai sotto i 20° C e le massime si aggirano sui 30° C.
Da aprile invece cominciano ad intensificarsi le precipitazioni con rischio temporali soprattutto nei mesi estivi.

 

Cuba è la meta ideale per chi ama l’aspetto antropologico di un viaggio: una popolazione che ha tanto da raccontare, gente dal sorriso coinvolgente, con una vitalità innata che scorre nel sangue… un viaggio a Cuba può decisamente determinare un punto di rottura nella propria esistenza e indurre ad un’analisi introspettiva con risvolti decisamente positivi!

Alla luce degli ultimi avvenimenti ritengo inoltre che sia il momento ideale per visitare quest’isola, prima che il turismo di massa ne cancelli originalità e  tradizioni.


Documentazione

  • Passaporto:  con una validità residua di almeno sei mesi e con scadenza posteriore alla data di rientro in Italia.
  • Visto d’ingresso: si può ottenere presso gli uffici consolari cubani in Italia o tramite agenzie specializzate.
    Maggiori informazioni al seguente link:
    http://www.ufficiovisti.com/index.php/america/cuba/543-ambasciata-cubana-in-italia-e-consolatiIl vosto ingresso a Cuba è registrato mediante timbro su una tarjeta da conservare per tutta la permanenza a Cuba fino alla partenza. Per lasciare Cuba è previsto il pagamento di 25 cuc come tassa obbligatoria.
  • Assicurazione sanitaria: come riportato sul sito www.viaggiaresicuri.it, a decorrere dal 1 maggio 2010, tutti i viaggiatori, stranieri e cubani residenti all’estero, al momento dell’ingresso nel Paese, devono obbligatoriamente essere titolari di una polizza assicurativa che copra anche le eventuali spese mediche da sostenere sull’Isola.
    Al di fuori dell’Avana è difficile trovare assistenza medica e le strutture ospedaliere presentano precarie condizioni igienico-sanitarie.

Non sono invece previste vaccinazioni obbligatorie ma, se lo ritenete opportuno, potete consultate il centro vaccinazioni internazionali per eventuali vaccinazioni consigliate:

Roma » http://www.cesmet.com/it/centro-vaccinazioni-internazionali
Milano » http://www.asl.milano.it/ita/Default.aspx?SEZ=2&PAG=64
Firenze » http://www.asf.toscana.it/index.php?option=com_content&view=article&id=185


Voli

Ci sono diverse compagnie che volano su Cuba: alcune tra le compagnie aeree lowcost sono Air Canada, Blue Express e Air Europa.
Prenotando con largo anticipo si possono trovare delle ottime offerte a poco più di 500 euro (e periodicamente ci sono anche degli ulteriori sconti).

Per praticità potete utilizzare dei motori di ricerca come SkyScanner o Kayak.


Itinerario

Il fly&drive è la soluzione migliore per visitare questa splendida isola, e personalmente vi consiglio un periodo minimo di permanenza di 15 giorni.
Potete prenotare comodamente tutto online: ci sono molte agenzie di car rental per affittare una vettura per il periodo desiderato.

Una di queste è l’agenzia Cubacar, ma ve ne sono molte altre e le trovate online con tutti i contatti per la richiesta d’informazioni:
http://www.cubacar.info/englisch/

Una particolare nota sulla condizione delle strade: il manto stradale è messo male, con buche ovunque e attraversamenti inattesi di qualsiasi essere animale e mezzo, anche sull’Autopista Nacional de Cuba, che è ben lontana dalla nostra idea di autostrada.
Carretti, sidecar, motociclette e macchine sfasciate, ne vedrete di ogni e sarà uno degli aspetti più affascinanti della vostra visita.

Affittando l’auto avrete la possibilità di stipulare un’assicurazione: è ESSENZIALE, ma soprattutto state bene attenti alle condizioni contrattuali perchè in alcuni casi non sono incluse le gomme.

Data la pessima situazione delle strade vi potrebbe capitare spesso di bucare o distruggere le gomme, quindi i costi per la riparazione potrebbero essere molto alti.
Fa sorridere il fatto che, una volta riconsegnata l’auto, sono del tutto ignorati graffi o ammaccature di vario tipo, ma viene eseguito un check con cura maniacale sulle gomme, compresa quella di scorta: se la trovano sgonfia o buca vi caricano una tassa sul conto.

Il trasporto nazionale è carente e male organizzato: la gente si dispone al ciglio della strada aspettando pazientemente un passaggio.
Vi capiterà spesso di vedere persone appese a cassoni di camion che emettono nuvole nere di fumo dai tubi di scappamento: uno spettacolo nel senso vero della parola!

Non rifiutate un passaggio se ne avrete la possibilità, è un modo davvero gentile di aiutare la popolazione di questo bellissimo Paese!

Valutate quindi molto bene le distanze ed i tempi di percorrenza, raddoppiando questi ultimi rispetto al nostro abitudinario: percorrere 200 km richiede un tempo medio di 3/4 ore ma possono anche aumentare nel caso di tratti stradali particolarmente disagiati fuori dall’autopista nacional.

Qui di seguito un itinerario con le mete da non perdere, a cui potrete aggiungere ulteriori tappe a seconda dei giorni a disposizione e degli interessi personali.

PartenzaArrivoKM
HavanaVaradero145
VaraderoRemedios255
RemediosCayo Santa Maria70
Cayo Santa MariaSanta Clara113
Santa ClaraEl Nicho76
El NichoTrinidad47
TrinidadCienfuegos83
CienfuegosPlaya Larga115
Playa LargaVinales351

Sistemazioni

La sistemazione ideale per godere della compagnia della popolazione cubana e della loro tradizione culinaria è la casa paticular.
Le case particular sono sistemazioni lowcost ma vi possono offrire il meglio di questa esperienza: chiedete ai proprietari di cucinare i piatti tradizionali cubani e vi assicuro che ne resterete soddisfatti!!

Ne segnalo alcune di cui ho esperenza diretta ma ne troverete un sacco online, ad esempio sui seguenti siti:
http://cuba.altervista.org/casa%20particular.html
http://www.cubaguide.de/d/casas/index.html


HAVANA

Casa Particular Sandelis
http://www.actiweb.es/sandelis/pagina3.html
https://www.tripadvisor.com/Hotel_Review-g147271-d271985-Reviews-Casa_Particular_Sandelis-Havana_Ciudad_de_la_Habana_Province_Cuba.html

Ottima posizione (di fronte al lussuoso Hotel Nacional e a pochi passi dal Malecon) ma bisogna avere un po’ di spirito di adattamento per quanto riguarda pulizia, odore e rumorosità.


VARADERO

Hotel Dos Mares
http://www.cubaccommodation.com/properties_details.asp?id_hotel=650

La scelta dell’hotel in questo caso è dovuta al fatto che le case particular a Varadero non sono molte. Si tratta di una meta molto turistica ma in ogni caso molto bella.


REMEDIOS

Remedios – Hostal Casa Richards

Hostal Casa Richards
http://www.particuba.net/villes/remedios/richard/
https://www.tripadvisor.com/Hotel_Review-g815508-d2344881-Reviews-Hostal_Casa_Richard-Remedios_Villa_Clara_Province_Cuba.html

Il mio preferito: location, ospitalità, cucina, rapporto qualità prezzo ottimi.


TRINIDAD

Hostal Aracely Reboso Miranda
http://www.particuba.net/villes/trinidad/aracely/
https://www.tripadvisor.es/Hotel_Review-g285731-d2721183-Reviews-Hostal_Araceli_Reboso_Miranda-Trinidad_Sancti_Spiritus_Province_Cuba.html


CIENFUEGOS

Casa Lopez
http://www.casaparticular.com/casa/index/id/1083/name/2015-certificated-casa-lopez
https://www.tripadvisor.com/Hotel_Review-g609122-d3253684-Reviews-Hostal_Casa_Lopez-Cienfuegos_Cienfuegos_Province_Cuba.html


2 thoughts on “Viaggio a Cuba fai da te: organizzare il viaggio a Cuba, itinerario, assicurazione sanitaria e consigli utili

  1. Ho fatto più o meno il tuo giro circa 18 anni fa e 3 anni fa qualche tappa. A distanza di così tanti anni ho trovato cambiamenti enormi. Bisogna andarci, bisogna visitarla subito per poter apprezzare il viaggio a ritroso nel tempo che solo Cuba può offrire. Bisogna correre, perchè ho paura che di tutte le bellezze di Cuba fra qualche anno rimarranno solo le foto di quelli che, come noi, l’hanno tanto amata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website

*